RSS

Chiusura per allerta meteo

Avviso importante:

Domani 24.11.2016 la palestra sarà chiusa causa allerta meteo.

Gli allenamenti riprenderanno regolarmente venerdì.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 novembre 2016 in Senza categoria

 

Coppa Italia d’argento per Maruska Iamundo

2016_coppa-italia_podio-iamundo

Nuova grande impresa dell’atleta dello Judo Club Ventimiglia che si piazza al secondo posto nella categoria dei 52kg

Il 105 Stadium di Genova ha ospitato la Finale Nazionale della Coppa Italia di Judo. Manifestazione, ovviamente sotto l’egida della FIJLKAM, riservata alle categorie Juniores e Seniores cui hanno preso parte oltre 400 atleti provenienti da tutta Italia.

Per lo Judo Club Ventimiglia ha gareggiato l’atleta Maruska Iamundo impegnata nella categoria di peso al limite dei 52kg.

Tabellone estremamente duro con 24 atlete ai nastri di partenza. Per Maruska 5 incontri combattuti con determinazione e maestria contro avversarie molto forti. Vittoria dopo vittoria, l’atleta dello Judo Club Ventimiglia arriva a disputare l’incontro di finale, combattuto fino all’ultimo secondo, che si è concluso consegnando a Maruska un’altra pesante medaglia a livello nazionale. Una grande gara con la conquista di una medaglia d’argento che vale oro!

Il secondo posto alla Coppa Italia è il coronamento di un semestre vissuto alla grande dal punto di vista agonistico con l’ottima prestazione al Torneo Internazionale a Squadre “Città di Cogoleto”, nel quale l’atleta ventimigliese aveva gareggiato nelle fila della Rappresentativa Regionale Ligure, la vittoria al Grand Prix Italia a Torino, che le è valsa la promozione a terzo dan, e il terzo posto al Torneo Internazionale Sankaku di Bergamo.

Con il podio della Coppa Italia salgono a quattro le medaglie conquistate in competizioni nazionali da Maruska Iamundo: terzo posto ai Campionati Italiani Cadetti nel 2012, secondo posto ai Campionati Italiani Juniores nel 2013, terzo posto ai Campionati Italiani Juniores nel 2015 e secondo posto alla Coppa Italia Junior/Senior nel 2016.

Maruska ha iniziato a fare judo presso lo Judo Club Ventimiglia fin da bambina e i suoi risultati sono il frutto dell’organizzazione, della qualità tecnica e della preparazione che gli atleti ricevono dai tecnici dello Judo Club Ventimiglia nel loro percorso di crescita.

Questo risultato riempie di orgoglio lo Staff Tecnico dello Judo Club Ventimiglia composto dal Maestro Benemerito Rocco Iannucci e dalle allenatrici Antonella e Katya Iannucci. Portare un’atleta ad un livello così alto è la più grande soddisfazione per i tecnici. Maruska è sempre stata una judoka caparbia, appassionata e desiderosa di migliorarsi, oltreché molto talentuosa, e gli ottimi risultati ottenuti se li è sempre conquistati grazie al duro lavoro.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 novembre 2016 in Senza categoria

 

Torneo Internazionale Sankaku Bergamo 2016

Torneo Internazionale Sankaku Bergamo: altro podio importante per Maruska Iamundo

img_20161105_174425

 

Sabato 5 e domenica 6 novembre 2016 il PalaNorda di Bergamo ha ospitato la ventisettesima edizione del Torneo Internazionale di Judo “Sankaku”.

Come da tradizione altissimo il livello dei partecipanti e manifestazione affollatissima con la partecipazione di oltre 1000 atleti provenienti da ogni angolo d’Italia e anche da numerose Nazioni europee ed extraeuropee, e gare terminate a tarda serata.

La giornata di sabato ha portato una bella soddisfazione allo Judo Club Ventimiglia con l’ottima medaglia di bronzo conquistata da Maruska Iamundo nella categoria unificata Junior/Senior fino a 52kg.

Categoria difficilissima che vedeva in lizza avversarie molto esperte. Stranamente per un Torneo svolto in Italia era maggiore il numero delle atlete provenienti da Paesi esteri che non dall’Italia.

Alla fine della gara Maruska, seguita in gara dall’allenatrice Antonella Iannucci, era l’unica italiana a conquistare un posto sul podio. La classifica finale vedeva la vittoria della fortissima romena Riciu sulla svizzera Silva e terzo posto a parimerito per Iamundo e la spagnola Ballistreros.

Maruska parte a razzo aggiudicandosi i primi due incontri per Ippon, poi subisce una battuta d’arresto nell’incontro di semifinale ad opera della romena Riciu, poi vincitrice del Torneo, ed infine conquista la medaglia di bronzo disputando un incontro eccellente che alla fine si aggiudicherà mettendo a segno uno spettacolare Ippon di Uchi Mata.

Un altro podio importante che conferma il talento e la preparazione della judoka ventimigliese e va ad arricchire il suo già nutrito palmares.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 6 novembre 2016 in Senza categoria

 

22/10/2016 Meet&Greet Fabio Basile Campione Olimpico Rio 2016

La grande festa delle Società FIJLKAM della Provincia di Imperia con il Campione Olimpico di Rio 2016 FABIO BASILE

2016_basile_poster

dscn0877 dscn0881

dscn0882 dscn0883 dscn0884 dscn0887 dscn0890 dscn0891 dscn0892 dscn0896 dscn0901 dscn0907 img_20161022_161238 img_20161022_161246 img_20161022_161248 img_20161022_161742 img_20161022_181458 img-20161022-01289 img-20161022-01290 img-20161022-01293 img-20161022-01294 img-20161022-01295 img-20161022-01298 imperia-20161022-01296

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 23 ottobre 2016 in Senza categoria

 

Grand Prix Italia Junior/Senior Torino 2016

img_20161015_154207

Torino, 15/10/2016 – Grand Prix Italia Ju/Se 52kg Maruska Iamundo 1 classificata.

E con la vittoria arriva anche il 3°dan. Si festeggia!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 ottobre 2016 in Senza categoria

 

CHIUSURA PALESTRA PER ALLERTA METEO

Vista l’ordinanza di chiusura straordinaria del Sindaco di Ventimiglia a seguito delle previsioni metereologiche per la giornata di oggi – ALLERTA ARANCIONE –

SI COMUNICA

che per la giornata di oggi venerdì 14 ottobre 2016 la palestra sarà chiusa.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 14 ottobre 2016 in Senza categoria

 

Lo Judo femminile: armonia, equilibrio psico-fisico e pari opportunità

Lo Judo per le donne: the gentle way!

2016_judo_rio_giuffrida_gwend

Le cronache raccontano che per la prima volta una ragazza si iscrisse ad un corso di Judo nel lontano 1893 presso il Kodokan di Tokyo e che la prima donna graduata cintura nera fu Katsuko Osaki nel 1933.

Da queste due date fondamentali per lo sviluppo dello Judo femminile molta strada è stata fatta. Attualmente lo Judo è uno Sport universalmente praticato dalle donne ed esse rappresentano ben il 20% dei praticanti nel mondo ed il 10% di esse ha raggiunto almeno il grado di cintura nera. E le statistiche ci dicono che questi numeri sono in continuo aumento, tenendo anche conto del fatto che lo Judo femminile, dopo l’edizione dimostrativa a Seul nel 1988, è entrato a far parte del programma ufficiale delle Olimpiadi dai Giochi di Barcellona 1992. Questo fornisce alla disciplina un’ottima visibilità e molte ragazze si iscrivono ai corsi affascinate dalle gesta sportive delle Campionesse.

Attraverso la pratica dello Judo si vuole offrire alle ragazze la possibilità di praticare una disciplina sportiva dinamica, coinvolgente e divertente sin dall’infanzia apprendendo abilità importantissime nella vita quotidiana come la capacità di sapersi difendere (prerogativa non da poco visti, purtroppo, i fatti di cronaca che quotidianamente accadono) e di saper cadere senza farsi male e di ottenere importanti benefici a livello fisico e mentale. Lo Judo insegna anche a mantenere la calma e la serenità necessaria per far fronte a qualsiasi situazione.

Lo judo viene interpretato quindi non solo come strumento specificatamente sportivo, ma come un eccellente mezzo per la diffusione delle pari opportunità, per la tutela della salute, per mantenersi in forma, per l’adozione di corretti stili di vita fin dalla giovane età ed, infine, per la promozione di una equilibrata crescita umana, culturale e sociale.

Allenarsi nello Judo consente alle ragazze di sentirsi più sicure e consapevoli, rafforzando la propria autostima e il proprio senso di autoefficacia e permettendo loro di acquisire autonomia e libertà d’azione.

Inoltre, l’allenamento dello Judo è strettamente correlato alla sana alimentazione, quindi la sua pratica costante consente anche di ottenere notevoli benefici dal punto di vista estetico, sviluppando in modo armonioso ogni parte del corpo e ottenendo un fisico tonico, agile e scattante.

Una bambina può cominciare a praticare lo Judo, arte marziale dal forte spirito educativo, intorno ai 4 – 5 anni e poi continuare per tutta la vita, seguendo vari step: prima atleta, poi allenatore ma anche Ufficiale di Gara (arbitro o presidente di giuria) o Dirigente Sportivo.

Logo_FIJLKAM_Oriz_Colori

La FIJLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali) garantisce a tutte le tesserate esattamente le stesse opportunità di successo che ai colleghi maschi. Inoltre, lo Judo femminile è da sempre molto sostenuto dalla Federazione come dimostrano anche i risultati delle atlete italiane, tra le quali si contano Campionesse Olimpiche, Campionesse del Mondo e Campionesse d’Europa.

In conclusione: lo Judo è una palestra di vita, una disciplina che aiuta ad affrontare al meglio la realtà quotidiana. Le ragazze praticando lo Judo si allenano alla vita, raggiungendo le mete prefissate e imparando a gestire le proprie risorse, il proprio impegno, la propria motivazione. Inoltre, grazie alle competenze fisiche e mentali acquisite, saranno sempre in grado di destreggiarsi in qualsiasi situazione.

(a cura di Antonella Iannucci, Coordinamento Provinciale FIJLKAM Imperia settore Judo)

Uscita sul settimanale LA RIVIERA del 13/10/2016

 

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 14 ottobre 2016 in ARTICOLI JUDO